Faravuli e filastrocchi

Da Parracomumangi.

Indice

Cumpari Cola e Cummari Rosa (da: Presinaci VV)

(Dedicata o bisnannu mio, chi tanti voti mi cuntau sta faràvula)

Na vota, vicinu a Randi Petra[1], compari Cola u lupu jìa cercandu ncuna cosicedja i mangiari pecchì avìa fami assai. Astramenti chi girava, affruntau a vurpi, cummari Rosa, e a salutau:
- Cummari Rosa bongiornu, anduvi jati?
A vurpi rispundiu:
- Anduvi vaju mi dumandati, cumpari? Aju na fami chi non viu, e volìa u trovu ncuna cosa i mangiari... E vui comu v'a passati?
- Io avi tri jorna chi no' mangiu, vitti ca nci sugn' i pecurari ccà vicinu, ma ànnu i cani e nu pocu m'a spagnu u m'avvicinu.
A vurpi stezi nu pocu penzandu, e poi dissi:
- Non aviti u vi preoccupati, ca mò vi dicu io chidju chi facimu: Stanotti jamu anzemi d'e pecurari, quandu i cani dorminu. Vui jati avanti prima, e quandu i cani vi vèninu arredi, io mi pigghju na pecura, e poi nda mangiamu anzemi.
U lupu non era sicuru, ma a fami era forti, e a fini dissi:
- Si vui siti sicura ca ndi vaci bona, potimu provari stanotti!
E cusì, a menzanotti, fìciaru comu avenu dittu, u lupu jìu u primu, e i cani ch'i pecurari nci jiru arredi. A vurpi però, ambeci u pigghja na pecura u s'a sparti c'u lupu, jìu anduvi i pecurari tenenu u casu e i ricotti, e mangiau finn'a quandu potti! Tantu chi jera chjina, l'urtima ricotta s'a scammacciàu subb'a testa.
A matina doppu affruntau a compari Cola, cu n'anca zoppa chi, arraggiatu, nci dumandàu:
- Pecchì mi dassàstivu sulu stanotti? Non viditi comu mi conzaru i cani? Non sacciu comu mi sarvai!
A vurpi ambeci nc' ammustrau a ricotta subb'a testa:
- A vui i cani vi conzaru i 'ssa manera? Non viditi a mia?! Nu pecuraru mi vitti, e mi minàu nta testa cu na hgaccia, aju a medudja i fora! Non pozzu mancu caminari... si mi potarrìssivu portari n codu!
Allura u lupu si pigghjau a vurpi subb'a schina, e anzemi cuminciaru a caminari. A vurpi, gurda, ogni tantu dicìa:
- Ndara ndara, lu malatu rahga la sana...
E u lupu rispundia:
- Cummari, chi diciti?
A vurpi:
- Nenti compari, non mi sentiti... Sbarìu d'a frevi!! ...
- Ndara ndara ndara, lu malato rahga la sana...
A na vota, i luntanu ntisaru cani abbaiari. A vurpi juntàu d'a schina d'u lupu e cuminciàu a fujiri com'a nu fùrvulu!

Compare Nicola e Comare Rosa (Traduzione)

Una volta, vicino la Grande Pietra[1], compare Nicola il lupo andava in cerca di qualcosina da mangiare, poiché aveva fame. Mentre andava in giro, incontrò la volpe, comare Rosa, e la salutò:
- Comare Rosa, buongiorno, dove andate?
La volpe rispose:
- Dove vado mi chiedete, compare? Ho una fame che non ci vedo, e avrei voluto trovare qualcosa da mangiare... E voi come ve la passate?
- Io è da tre giorni che non mangio, ho visto che ci sono i pastori qui vicino, ma hanno i cani ed un po' ho paura di avvicinarmi.
La volpe stette un poco a pensare, e poi disse:
- Non dovete preoccuparvi, 'che adesso vi dico io quello che facciamo: stanotte andremo insieme dai pastori, quando i cani dormiranno. Voi andrete avanti prima, e quando i cani vi verranno dietro, io prendo una pecora, e poi ce la mangeremo insieme.
Il lupo non era sicuro, ma la fame era forte, ed alla fine disse:
- Se voi siete sicura che andrà bene, possiamo provarci stanotte!
E così, a mezzanotte, fecero come avevano detto, il lupo andò per primo, ed i cani gli andarono dietro. La volpe però, invece di prendere una pecora per dividerla col lupo, andò dove i pastori tenevano il formaggio e le ricotte, e mangiò fin quanto poté! Era tanto piena, che l'ultima ricotta se la spiaccicò sulla testa.
La mattina dopo incontrò compare Nicola, con una zampa zoppa che, stanco, le chiese:
- Perché mi avete lasciato solo stanotte? Non vedete come mi hanno conciato i cani? Non so come mi sono salvato!
- A voi i cani vi hanno conciato in quel modo? Non vedete me?! Un pastore mi ha vista, e mi ha colpito in testa con un'ascia, ho il cervello (letteralmente: materia grigia) fuori! Non riesco nemmeno a camminare... se mi poteste portare addosso!
Allora il lupo prese si la volpe sulla schiena, ed insieme cominciarono a camminare. La volpe, sazia, ogni tanto diceva:
- Ndara ndara, il malato porta (lett. trascina) la sana...
Ed il lupo rispondeva:
- Comare, che dite?
La volpe:
- Niente compare, non mi sentite? Vaneggio per la febbre!
- Ndara ndara, il malato porta la sana...
D'un tratto, udirono in lontananza dei cani abbaiare. La volpe saltò dalla schiena del lupo e cominciò a correre come un lampo!


A randi petra




Filastrocche per i bambini

Nannama m'i cuntava certi voti, e certi voti ancora m'i cunta. Non sacciu i tituli.

A gatta e Ciminera

Nc'era na vota, nc'era cu nc'era,
nc'era na gatta e Ciminera;
Ciminera catti, e ruppiu tutti i piatti,
torna a cadiri, e ruppiu tutti i vacili!


A za Pagghjetta

Alli morti d'a za Pagghjetta,
mancu na littara sapi scriviri:
la pigghja, la scianca e la jetta…
alli morti d'a za Pagghjetta!

Maritu e mugghjeri

Maritu e mugghjeri, cu centu cavaleri
alla scala di l'abbati si pigghjaru a vastunati.

Patri nostru

(traduzioni mia)

Patri nostru, chi si nto celu,
u nomi Toi u jè santificatu,
u veni u regnu Toi,
e pemm'u jè fatta a volontà Toi,
comu nto cielu, cusì subb'a terra.
Dandi oi u pani nostru d'ogni jornu,
e càcciandi i debbita nostri,
comu nui nc'i cacciamu e debbitura nostri.
E no ndi portari nta tentazzioni,
ma libbaràndi d'u mali.
Amen

Note

  1. 1,0 1,1 In tal zona è presente una fiumara che taglia due colline. Ad una certa altezza di una delle pareti c'è un grosso masso che dà il nome alla zona. La leggenda vuole che una fata prese la roccia dal letto della fiumara per portarla in alto, ma a metà strada rinunciò per il peso del masso, e lo lasciò dove anche oggi si trova. Nella zona forse abitano tuttora alcune volpi, nonostante la caccia. I lupi invece non sono propri di queste zone, ma rarissimamente, ad esempio durante i conflitti mondiali, essi arrivavano dalle montagne.
  2. Strano il nome "Randi Petra": l'aggettivo nella parlata locale sta generalmente dopo il nome.
  3. La "timpa" è tra due colline, ed è stata scavata dalla fiumara "Èmbissi", o meglio hjumara i l'Èmbissi (nome anch'esso strano confrontato con il dialetto locale).
  4. Ormai le erbacce regnano, ma non è stato sempre così. Un tempo ogni spazio coltivabile era usato.
  5. Un fico è sulla pietra, rendendola oggi quasi invisibile